Seleziona una pagina

Chi mi segue sa che mi occupo anche di copywriting persuasivo e ipnotico. E chi mi conosce sa che sono un accanito sostenitore del fatto che la scrittura, ci piaccia o no, aiuta a vendere.

Navigando in rete mi sono imbattuto in questa pagina intitolata: Five Ways To Flip Your Copywriting For Higher Conversion Rates e ho deciso di tradurre parzialmente e riportare qui le parti salienti del post, sperando che la cosa vi piaccia.

Eugene Schwartz noto copy (cercate su Google informazioni su di lui e non ve ne pentirete) ha voluto rispondere alla domanda

“Che tipo di copy devo scrivere?”.

Ovviamente la risposta variava in base al grado di penetrazione del brand di cui si scrive nel mercato e in base al prodotto o servizio che si vuole proporre.

Schwartz ha suddiviso in cinque livelli i tipi di copy che riassume con questo schema:


Vendi di più con il copywriting persuasivo e ipnotico

 

Ogni area corrisponde ad un modo differente di approccio alla scrittura. Seguendo questo schema tutto quello che resta da fare è capire dove si trova il nostro cliente su questa scala e scrivere di conseguenza.

Analizzando gli estremi dello schema vediamo che:

Se conosci il tuo pubblico sii diretto!

Aziende come Nike, Apple, Google non hanno bisogno di presentarsi al pubblico e possono scrivere andando dritti al sodo: “Ecco cosa ti proponiano, a che prezzo ecc.”

Se il pubblico a cui ti rivolgi non sa chi sei, sii indiretto!

Qui siamo agli antipodi, per cui dobbiamo “cullare” i nostri lettori e convincerli della bontà del nostro prodotto raccontando loro una storia (storytelling) e svelando i segreti che si celano dietro a quel prodotto, che si rivelano grandi benefici per i nostri futuri clienti.

In mezzo ci sono poi tutte le altre varianti!

Facile?

Cosa ne pensate?

Fatemelo sapere lasciando un commento qui sotto.

 

Pin It on Pinterest

Share This